> home  
> dove
  > programma  
  > comitato di redazione  
  > archivio  
  > links  
  > contattaci  

 

>> credits
> italiano > english > deutsch
 
 
 
 

home / programma

 

    PROGRAMMA 2010
   

Salone Gemma presenta

DAS INNERE UNS
Gli interni dell’io


Andrea Freiberger

Sabato 18 / 09 / 2010

Salone Gemma/Faltwerksalon, via San Francesco 52a Trieste
ore 18.00

Installazione HOME SWEET HOME
(torso e mano rivestiti di collage, coperta patchwork ricamata, foto, centrino all’uncinetto)

La nostra esteriorità (il corpo, l’ambiente, il visibile) all’interno di noi (l’anima, la nostalgia, l’invisibile).
L’installazione mette in scena un apparente idillio domestico. Un formale “salotto buono” con torso e mano posata su un rassicurante centrino d’antan, coperta patchwork composta a un primo sguardo da classici pezzi di stoffa a piccole fantasie ricamati con ritagli di frasi e citazioni, e tradizionali quadri alle pareti con foto. Fin qui il visibile.
Avvicinandosi, si scopre che gli occhi del torso sono ciechi e che il suo sguardo volge lontano dall’idillio domestico. Tra le foto alle pareti manca l’atteso ritratto di padrona di casa felice per lasciare il posto a un viso di donna assorto e carico di nostalgia che si confonde con la sagoma di un palazzo dal quale non può staccarsi.
Questa immagine, riprodotta in scala minuscola all'infinito, è l'unità che compone il tutto: la “fodera” che riveste il torso e la mano, la “stoffa” della coperta e del centrino, le immagini alle pareti stile “foto di famiglia”.
Le frasi e le citazioni cucite sulla coperta evocano stati d’animo nostalgici (Nelly Sachs, Thomas Mann, Mario Vargas Llosa, ecc.), ma più che la nostalgia di qualcosa in particolare, sembrano suggerire un pensiero: “Era tutto qui/È tutto qui”?
L’interiorità che esce all’esterno e “riveste” tutto.

<< Questa installazione è anche una rivisitazione del mio passato personale, sia dal punto di vista dell’educazione/socializzazione femminile sia delle mie origini artistiche (lavori tessili; tecniche “tradizionalmente femminili”). >>

Werner Bergengruen, “Die Feuerprobe”*
:
"… danach saß sie am Fenster über der Goldstickerei …und fand nun Gefallen an derlei Arbeit, die ja eine Arbeit der Gedankenleeren oder aber der Grübelnden ist.
"… poi si sedette alla finestra e tornò al suo ricamo ad oro … provando ora piacere in siffatta attività, poiché è un lavoro femminile atto a scacciare i pensieri, ma anche ad accompagnare riflessioni e lambiccamenti”.

 

Curriculum Vitae

 

_______________________________________________________________

 
 
++ faltwerksalon 20x30_salone gemma ++ via s. francesco d'assisi 52a ++ 34133 trieste, italy
email lab@faltwerksalon.it