> home  
  > programma  
  > comitato di redazione  
  > archivio  
  > links  
  > contattaci  

 

>> credits
> italiano > english > deutsch
 
 
 
 
   
 


 
   

home / archivio / interactiondesignlab

 

    ARCHIVIO /
interactiondesignlab
   
 

 


Wow, che bello sto’ posto, facciamo una foto e la mandiamo ad Aldo, così schiatta di invidia, che gli tocca stare in ufficio mentre noi stiamo qui in giro.

 

www.interactiondesign-lab.com

Il taccuino di viaggio o la raccolta di fotografie, meccanismi consacrati di testimonianza dei movimenti attraverso un territorio o memorie delle esperienze di viaggio stanno acquisendo una differente presenza nella vita di molte persone, convertiti in doppioni immediati, in tempo reale, degli spostamenti e delle sensazioni vissute.

"Il bello della diretta” ossia l’annullamento dello scarto temporale tra un avvenimento e la sua rappresentazione è un effetto ed un piacere alla portata di tutti, grazie alla sempre più pervasiva diffusione di tecnologie portatili quali videocellulari, webcams o photoblogs, solo per citarne alcuni tra i più noti.

Parallelamente la supposta oggettività della riproduzione della realtà rappresentata dalle mappe e rappresentazioni cartografiche è progressivamente erosa da un ritorno ad una pratica quasi verbale di istruzioni e suggerimenti (vai là, gira dopo il ponte, sali, scendi al di sotto del ristorante) resa certa dalla localizzazione satellitare del GPS.

Id-lab propone un gioco, un modo diverso per muoversi a Trieste, guardando con altri occhi luoghi conosciuti o scoprendone di nuovi. Ai partecipanti si chiede di partire dal Salone Gemma, armati di curiosità, una mappa della città ed il proprio cellulare. Il Salone Gemma mostrerà in tempo reale, archiviandole, le immagini ed i testi creati ed inviati progressivamente dai "viaggiatori”, costruendo una narrazione collettiva di molteplici traiettorie. Id-lab ed il Salone Gemma suggeriscono cinque itinerari possibili, dai quali deviare, fuggire, lanciarsi per esplorare la città. La accumulazione di frammenti di testo, snapshots, minivideo, suoni costituirà una nuova mappa di Trieste, filtrata attraverso i passi e le impressioni di un gruppo di viaggiatori urbani.


PROGRAMMA

Sabato 10 giugno 2006

Ore 12.00
Aperitivo / Presentazione ID-Lab / Distribuzione regole del gioco e itinerari suggeriti

Ore 16.00
Quattro chiacchiere al campo base
Si riparte! Spedire SMS, MMS ed e-mail.


Ore 20.00
Festa / Proiezione della mappa.
Ripartenza dei più coraggiosi verso i vortici notturni di Trieste.
Spedire SMS, MMS ed e-mail.

Domenica 11 giugno 2006
Ore 12.00
Brunch.


Chi siamo?

Siamo Id-lab. Interaction design lab.
Quello che facciamo è costruire ponti tra il design e le tecnologie.
Siamo un gruppo di persone che arrivano da ambiti disciplinari differenziati. Culture e nazioni diverse.
Esploriamo l’interattività con gli oggetti e con gli spazi, raccontando storie e creando esperienze. Prediligiamo strumenti semplici. Tecnologie sul mercato, ibridazioni. Ricicliamo o riutilizziamo apparati e congegni tecnologici usati per un dato scopo in maniera inaspettata e diversa.
Quello che ci interessa è progettare il presente.
L’interattività intesa come dialogo è l’ingrediente centrale.
Un piano concettuale dichiarato.
Un processo di tipo artigianale.
Un forte valore comunicativo.
Un valore commerciale esplicito e evidente.
In inglese questi quattro ingredienti sono: Concept, Craft, Communication, Commerce.
Da noi chiamate le "quattro C”.

 


 

ecco un piccolo report fatto da laura dell'id-lab:

poi stefano mirti
ha mandato una serie di post-it:

http://www.interactiondesign-lab.com/hk/B17123trieste

http://www.interactiondesign-lab.com/hk/B17123stand_by_me

http://www.interactiondesign-lab.com/hk/B17123gemma

 
++ faltwerksalon 20x30_salone gemma ++ via s. francesco d'assisi 52a ++ 34133 trieste, italy
email lab@faltwerksalon.it